Peugeot 205 Gti - Passione Sportive 80/90

Vai ai contenuti
Quando al tempo ci riempivamo le orecchie con “The final Countodown” degli Europe, “Papa don't preach e La isla bonita” di Madonna, “Who wants to live forever” dei Queen, i successi dei Righeira, dei Rolling Stones, e anche di Eros Ramazzotti (ma quanto era bella la musica ai tempi????), la Peugeot, cavalcando l'onda delle piccole bombe, sfornò questo piccolo missile terra terra: la 205 Gti.
Auto che assieme alla Uno Turbo e alla Renault 5 Gt Turbo diventò la santissima trinità delle piccole bombe anni 80. Auto conosciute e riconosciute a livello universale come le più famose e per certi versi “famigerate”.
La 205 Gti rappresenta a pieno lo spirito di quegli anni. Tanta cattiveria, tanti cavalli, in una scatoletta piccolina. Aiuti alla guida? Figuriamoci! Il peso? Piuma! Roba che adesso non sarebbe possibile, a causa delle sempre più severe norme di sicurezza ed antinquinamento. Ma se da una parte l'orso polare ringrazia (citazione da Jeremy Clarkson), dall'altra, il piacere di guida ed il divertimento sono un po' mortificati.
Apprezzata per il motore che vantava un'ottima scuderia per quegli anni (105 equini per il 1.6 e 130 per il 1.9, tutti aspirati), anche il telaio era efficace e permetteva ai più smaliziati di “sculettare” nelle curve esibendosi in coreografici sovrasterzi per impressionare la tipa di turno. Se invece si esagerava, come è successo a molti, gli unici impressionati erano i proprietari quando dovevano pagare il conto del carrozziere. Tutta esperienza.
Però la rabbia ti passava quasi subito quando guardavi quel muso, impreziosito dalle bande rosse sul paraurti, che ti faceva l'occhiolino e ti invitava a rifarlo ancora. Dopotutto lei era nata per quello, per essere guidata in modo sportivo, non per andare a fare la spesa. E lo faceva capire appena aprivi la portiera: moquette rossa, colore racing per eccellenza, sedili avvolgenti, strumentazione completa con tante lancette. Come resistere? E se poi avevi un amico con un'altra di queste bombette, allora il divertimento era assicurato!
Torna ai contenuti